Archivio | cascine RSS feed for this section

Cascina Burattana

12 Nov

La cascina Burattana si contraddistingue dalle altre cascine bustesi per la sua posizione centrale rispetto al territorio: si trova infatti a un chilometro dal centro storico, in piena area cittadina, dove si estende un ampio campo coltivato in prossimità di viale Duca d’Aosta. La cascina assume un valore fondamentale per la città bustese, essa viene infatti costruita nel 1600 ad opera della famiglia nobile Durini, di cui e’ rimasta di proprietà fino agli anni ’90.

La storia delle sue origini e’ andata perduta con l’incendio agli archivi della Basilica di Dairago, unici documenti storici presenti a quei tempi. Essa si articola secondo il modello delle cascine bustesi, con un ampio cortile al suo interno e i locali essenziali per vivere: una casa, una stanza da letto comune, stalle e magazzini. Ha mantenuto fino al secolo scorso la sua preponderante funzione agricola: i contadini, divenuti operai, dedicavano infatti il loro tempo libero alla cura dei campi e all’agricoltura. Oggi e’ ancora abitata e utilizzata, aprendosi alle nuove filosofie e tecnologie agricole bio sostenibili. Sta subendo un processo di ristrutturazione e ammodernamento in vista dell’EXPO 2015, durante cui verra’ utilizzata come alloggio per i visitatori internazionali.

Cascina Burattana

visione laterale dell’edificio

Annunci

Territorio delle Cascine

12 Nov

Nel territorio comunale di Samarate, a pochi chilometri dalla città di Busto, si estendono numerose cascine. Le cascine assumono un ruolo fondamentale nella storia e nella cultura bustese e lombarda: dalle cascine infatti si svilupperà l’economia del territorio prima dal punto di vista agricolo e poi con la nascita delle piccole industrie manifatturiere contadine, grazie alle quali gli uomini potranno arricchirsi e uscire dalla condizione agraria diventando piccoli imprenditori.

Le cascine presentano tutte un’architettura simile, in quanto la maggior parte ha grande cortile centrale per i lavori quotidiani, una rimessa per gli attrezzi agricoli e una zona adibita a stalla. Esse possono estendersi su uno o due piani, sono spesso costruite in mattoni e rappresentano una componente fondamentale del paesaggio nelle campagne circostanti Busto Arsizio.

Al giorno d’oggi le cascine sono cadute in disuso o hanno perso la maggior parte delle loro funzioni originarie, a causa dello sviluppo della società postindustriale e de conseguente’esodo dalle campagne. Tuttavia alcune cascine sono ancora utilizzate, per organizzare sagre ed eventi gastronomici o come alloggio popolare per pochi discendenti dei contadini bustocchi, oggi diventati operai.

Cascina

piccola cascina oggi in disuso